Pensieri su New york

06 dicembre 2015


Buona sera a tutti.Oggi e' il mio compleanno e ancora come una ragazzina mi piace festeggiare, la torta e le candeline anche se, non mi piace più mettere il numero.
Mi accorgo di non essere ancora pronta per questa eta' così matura, e mi sembra di non avere addosso tutti gli anni che porto.
Per cui mettiamo da parte gli anni che passano per parlare credo di uno degli ultimi post di New York.
Più riguardo le foto e più mi rendo conto di non avere fatto tutte le foto che volevo e di non essermi espressa al meglio questa volta e questo mi dispiace un po' in una città' come quella appena visitata.Inoltre mi sono venute in mente cose che non ho fatto, come ad esempio pattinare a central park oppure andare a prendere il the nella sala del Plaza.
Pazienza ,vorrà' dire che ci dovrò' ritornare.
Comunque bando alle ciance come si dice dalle mie parti e via con qualche altro ricordo di questa città' meravigliosa.



Passeggiare per New York City e' la cosa più bella.
Vorrei riuscire a comunicare a voi la sensazione di appartenenza che questa città' sembra regalare.
Sembra un paradosso anche perche' e' luogo comune che in mezzo a tanti si possa soffrire delle più' grandi solitudini e in fondo e' verita' tristemente sacrosanta, pero' a me questa metropoli mi comunica  qualcosa di diverso, senza ombra di dubbio perché' la vedo con gli occhi della turista.
Camminare per le vie rumorose e caotiche piuttosto che per strade più tranquille come quelle di brooklyn o di williamsburg mi piace tantissimo.Quando sono partita avevo un obbiettivo:camminare per la città', viverla,sentirla un po' mia e così' e' stato.Forse per quello ho fatto non tantissime foto,forse per quello ho fatto poco shopping.Ho camminato e camminato,ho ascoltato e ho guardato.
E ho sentito New York anche un po' mia.


Central Park

30 novembre 2015

 Credo che Central Park racchiuda l'essenza di New York e se proprio dovessi fare una valutazione dei luoghi più' belli credo che lo metterei al primo posto.Desideravo tantissimo vederlo con il foliage, e devo dire che non sono stata delusa.
Central Park fu creato in circa 20 anni per trasformare un'area degradata, discariche e zone incolte in un luogo che fosse per tutti.
E , in questo senso cosi' e' tutt'oggi.
Passeggi,vai a cavallo, giochi a palla, a baseball,fai jogging,il picnic della domenica, ti riposi su una panchina dopo aver preso al supermercato di columbus circle un piatto di sushi giapponese perfetto o una zuppa vegetariana o una slide di pizza.

 Abbiamo incontrato questo gruppetto di giovani afroamericani che hanno espresso la loro bravura di ginnasti in uno spettacolo fantastico.Ci siamo persi a guardare le barchette sul lago.

Abbiamo immaginato di essere in mezzo ad una scena del "maratoneta" percorrendo il reservoir(il lago intitolato al ricordo di J.Kennedy e che oggi e' meta di runners da ogni dove)



 Central Park racchiude l'essenza di calma e pace in mezzo ad una città' che, come dicevo nel post precedente ,e' energia allo stato puro.

 ...e devo dire che ho accarezzato l'idea di "firmare" una panchina in ricordo di quella pace.



Mordi la mela

28 novembre 2015

Ciao  a tutte.Sono tornata dal mio breve (ma intenso) viaggio nella Grande Mela.
Sono stati giorni molto pieni.Chilometri e chilometri a piedi con i muscoli indolenziti, ma New York per morderla davvero, bisogna viverla a piedi per le sue strade e per i suoi quartieri.Sto cercando di mettere a posto le foto, sistemarle un pochino.Alcune le ho fatte con il cellulare ,altre con la mia reflex, insomma gli scatti sono tanti.
Quando mi alzo la mattina ed esco di casa mi sembra che la mia vacanza sia lontana anni luce e invece solo una settimana fa ero la'.
Non e' la prima volta che visito New York.Nel corso degli ultimi venti anni (si! avete capito bene ...proprio 20 anni!) ci sono stata altre volte.Sono innamorata dell'energia che si respira in questa città' che non e' solo caos e sirene o cemento e grattacieli;e' energia pura, multiculturalita', pace e silenzio e   caoticita' e movimento dall'altra.
New York ti entra dentro e poi credo non ti esca più.
Attraversare il ponte di brooklyn, oppure quello di williamsburg, passeggiare sulla promenade e vedere lo skyline della città' con il sole che scende,oppure camminare per williamsburg o brooklyn con le sue case in stile, il giardinetto e gli scalini per arrivare alla porta arricchita con una zucca ai suoi piedi o una ghirlanda a suo centro.
Vedere l'intera città' dall'alto della freedom tower, visitare annichilita e triste il museo in memoria delle vittime dell'11 settembre, e poi camminare per central park con i suoi colori dell'autunno in esplosione e le foglie degli aceri sotto i piedi.
Adoro questa citta', la amo e non credo che non ci tornerò' più .
Vi lascio alcune foto.Le prossime negli altri post





Il mio lavoro

06 novembre 2015

 Queste sono alcune delle foto fatte per la realizzazione del nostro sito web.
 Ovviamente gli animali sono tutti pazienti che dolcemente si sono prestati per essere immortalati con i loro dottori.Siamo molto soddisfatti di queste foto, perché' sono luminose e belle.
 E poi gli animali sono troppo espressivi! Guardate la Kira come cercava il supporto della sua padrona.Era li' che diceva:la facciamo finita con questa visita o e' un vizio??? 
Anche se l'ho detto altre volte credo davvero di essere molto fortunata a fare questo lavoro.E' vero, e' un lavoro che oltre alle soddisfazione puo' fare ingoiare tanti bocconi amari ma in tanti anni di lavoro almeno si vede che qualcosa ho costruito e non e solo un pugno di mosche.Se vi va di farvi un giro sul nostro sito questo l'indirizzo :www.veterinariolafenice.it

Ottobre

04 novembre 2015

Ormai ottobre e' passato.Questo il mio ottobre.Le solite cose...Ho un po' abbandonato la mia macchina fotografica a favore delle foto fatte con iphone e devo dire che la differenza si vede.Inutile, la reflex e' straordinaria per la luce e le potenzialità' estetiche delle foto.

 Spero proprio di rimpossessarmene in occasione del mio viaggio prossimo.Come sapete New York e' alle porte...ancora qualche settimana e si parte.

 Intanto ottobre e' passato, tra routine ordinaria e serate in casa davanti alla tv rannicchiata sul divano o direttamente nel letto.

 Novembre e' arrivato:ho un piccolo sogno, una speranza:di riuscire a vedere il folliate a Central park...arrivero' all'ultimo momento ma forse ce la faccio, visto che sta iniziando ad esplodere nella sua meraviglia proprio in questi giorni....comunque vi racconterò'...ovviamente.

a presto

-Raffa-